Hai scoperto la sua vera bellezza?

Descrizione

Hai scoperto la sua vera bellezza?

Download

Descrizione completa

Hai scoperto la sua vera bellezza

A cura del Dott. Naji Arfaj

PRIMA PARTE : LA PUNTA DI UN ICEBERG

Questo libro presenta solo alcuni esempi della vera bellezza e grandezza dell'Islam che:

• Ci raccomanda di avere buone intenzioni, atteggiamenti positivi e buoni sentimenti verso gli altri.

• Ci insegna a perdonare e desiderare per gli altri ciò che desideriamo per noi stessi.

• Ci invita a sorridere con sincerità e ad essere gentili con gli altri.

• Ci insegna ad essere cortesi.

• Ci raccomanda di avere un buon comportamento ed essere rispettosi.

• Ci insegna ad avere rispetto per le persone, gli animali, gli uccelli e l'ambiente.

• Ci insegna il rispetto e la cura per i nostri genitori, gli anziani, e ad essere buoni con le nostre famiglie, il coniuge e i figli.

• Ci incoraggia ad aiutare e sostenere i deboli, i poveri, i bisognosi e i disabili.

• Ci esorta a pensare, riflettere e ragionare basando i nostri giudizi su prove.

Hai già scoperto di cosa si tratta..?

Prima di rivelare il segreto, mi permetto di aggiungere…

• ci insegna che tutti gli esseri umani sono uguali indipendentemente dalla loro razza, colore o nazionalità.

• ci dice di non fare del male, di non odiare o disprezzare gli altri.

• ci spiega chiaramente perché esistiamo, chi ci ha creato, dove stiamo andando, e quale sia la nostra destinazione finale.

• ci insegna a vivere in pace, ad avere una buona relazione con Dio, se stessi, e gli altri.

• risponde con chiarezza alle nostre domande.

Esso realmente conduce alla verità ultima ed al successo, alla vera pace della mente, alla vera felicità, alla salvezza e alla vita eterna.

Riesci a credere che questa meravigliosa scoperta sia…l'Islam?

Se le nostre menti sono prigioniere dei pregiudizi e preconcetti non riusciremo mai a vedere la bellezza e la verità nelle cose che ci circondano.

Potreste avere pregiudizi o idee negative sull'Islam. Forse lo avete visto e conosciuto solo attraverso ciò che i media dicono quando si parla dei terroristi, ossia coloro che sarebbero terroristi a prescindere dalla loro religione. Forse avete sentito parlare dell'Islam da fonti non autentiche o distorte.

Quindi, vi invito a leggere con obiettività e con mente aperta questo libro che dimostra la bellezza, la limpidezza e la semplicità dell'Islam.

Alcune caratteristiche dell'Islam come esempio di chiarezza e bellezza:

• Chiarezza circa la creazione dell'universo.

• Chiarezza riguardo la nostra creazione.

• Chiarezza riguardo la nostra spiritualità.

• Chiarezza e purezza riguardo al concetto di Dio.

• Chiarezza nel concetto di culto.

• Chiarezza riguardo lo scopo della vita.

• Chiarezza riguardo la vita futura.

• Chiarezza riguardo la nostra destinazione finale (Paradiso o Inferno).

• Chiarezza circa il modo di ottenere la vera felicità e soddisfazione.

Prima di proseguire, ricordiamoci queste definizioni islamiche essenziali:

Allah: In Arabo, Allah è la traduzione di Dio, il Creatore. L'Islam insegna che Allah è il vero Dio di tutti gli uomini. Anche gli arabi ebrei e cristiani usano questo nome (Allah) per riferirsi a Dio.

Muhammad: E' l'ultimo Profeta del vero Dio (Allah); inviato a tutti gli uomini (pace e benedizione su di Lui).

Islam: Significa sottomissione alla volontà dell'Unico vero Dio (Allah).

Musulmano: E' colui che si sottomette alla volontà dell'Unico vero Dio (Allah ).

Il Sacro Corano: E' la parola finale che l'Unico vero Dio (Allah) ha rivelato al Profeta Muhammad.

SECONDA PARTE : RISPOSTE ALLE DOMANDE CRUCIALI

L'Islam risponde a molte domande significative come:

• Qual è la verità?

• Chi ci ha creato?

• Chi è il vero Dio?

• Chi è l'ultimo profeta di Dio??

• Chi dovremmo adorare?

• Chi siamo noi?

• Perché siamo qui?

• Cosa succede dopo la morte?

• Com'è la prossima vita?

• Quale è la nostra destinazione finale, Paradiso o Inferno?

• Come possiamo raggiungere la vera pace della mente, il successo e la vera felicità?

• Come possiamo ottenere la vita eterna?

Aprendo il cuore e la mente troverete la verità. Leggete obbiettivamente e giudicate voi stessi.

QUAL'E' LA VERITA'?

Nell'Islam, l'Unico vero Dio (Allah) ha creato ogni cosa. E' solo Dio (Allah) il più Grande che ha creato gli esseri umani, gli animali, la terra e le montagne, gli oceani e i fiumi, le piante e le foreste, il sole e la luna, le galassie e le orbite, il giorno e la notte. Tutte le altre creature, che conosciamo o che non sono ancora state scoperte, sono tutti aspetti della Sua creazione.

Allah ha creato la vita sulla terra e nell'universo, compreso il tempo, lo spazio, l'energia e la materia. Allah sostiene l'universo e tutto ciò che contiene, e monitora cosa vi accade.

Tuttavia, molte persone pensano che l'esistenza sia “un caso" o una “cosa naturale"! Scientificamente parlando, definiamo che cosa significa NATURA. Cos'è la “natura"?

Non siete d'accordo con me che la natura include: piante e pianeti, orbite e galassie, valli e montagne, oceani e fiumi, terra, sole, luna, stelle e altre creature? Tutte queste cose si sono create da sole o sono state create dall'essere umano?

Il Sacro Corano ci dice:

“O uomini, adorate il vostro Signore Che ha creato voi e quelli che vi hanno preceduto, cosicché possiate essere timorati.." (2: 21)

“Ha creato i cieli e la terra in tutta verità. Arrotola la notte sul giorno e il giorno sulla notte, e il sole e la luna ha costretto [a orbitare] fino ad un termine stabilito. Non è forse Lui l'Eccelso, il Perdonatore?." (39: 5)

“Egli è Colui Che ha creato la notte e il giorno, il sole e la luna: ciascuno naviga nella sua orbita.." (21: 33)

Inoltre, coloro i quali credono nella natura sostengono di non credere in Dio semplicemente perché non possono vederLo, toccarLo o fare un esperimento su di Lui!

Un paio di anni fa, il mio vicino in Oregon, USA mi ha fatto visita. Abbiamo parlato di diverse cose, tra le quali abbiamo discusso sul concetto di Dio. Il mio vicino, un uomo molto anziano, negando l'esistenza di Dio, picchiò un pugno sul tavolo dicendo: “Credo nell'esistenza di questo tavolo perché posso toccarlo, posso sentirlo!"

Ragionando con lui, indicai la lampada nella stanza e dissi:

"Credi nella potenza dell'elettricità?" e lui disse: "Certo."

Chiesi: "Puoi vedere il potere dell'energia che genera la luce?" "No" rispose lui.

Poi gli feci queste domande:

• Hai mai visto ad occhio nudo l'aria che respiriamo?

• Provi dei sentimenti? Che colore, forma e dimensione hanno?

• Che cos'è il sonno? Qual è il suo colore e il suo peso?

• Quindi, a quante cose che non puoi vedere credi?

In un'altra occasione, incontrai un giovane uomo di nome Chris e sua moglie in un hotel ad Oslo, Norvegia. Durante una discussione amichevole con loro, chiedi a Chris: "Dunque, qual è lo scopo della vita?" Sorpreso disse: "Questa è la prima volta che sento una domanda del genere!" E aggiunse: "Penso che la mia vita non abbia uno scopo." E concluse: "Non credo in nessun dio." Chiesi a Chris: "Perché?" Mi rispose: "Non ne ho ancora visto uno."

Commentando la sua risposta gli chiesi (con un sorriso):

• Ami tua moglie?

• Puoi fisicamente vedere questo amore?

• Qual è il colore del vostro amore?

• Quanto pesa questo amore?

Qual è stata la reazione di Chris e di sua moglie? Provate ad immaginare! "Nonostante non siamo in grado di misurare questo amore astratto, non possiamo negare l'esistenza di questo sentimento".

Per lo stesso motivo, anche se non possiamo vedere Dio in questa vita a causa delle nostre facoltà limitate e dei sensi che non possono comprendere la Sua grandezza, questo non deve farci negare la Sua esistenza.

L'esistenza di Dio è evidente e facilmente rintracciabile in infiniti segni e prove manifestate nella creazione di atomi, cellule, tessuti, muscoli e di tutto ciò che è stato creato.

Migliaia di Profeti e miliardi dei loro seguaci in tutta la storia dell'umanità hanno confermato l'esistenza di Dio. E' razionale e logico trascurare le testimonianze di tutte queste innumerevoli persone e segni per la “scienza", quando in realtà le teorie scientifiche descrivono solamente l'universo e non si chiedono: Cosa – o chi – ha creato l'universo così com'è? Infatti le prove scientifiche indicano che il nostro universo è sorto “per caso" ed è davvero strabiliante; di nuovo il “caso" è la sola “spiegazione" che gli atei sono in grado di fornire per spiegare l'esistenza dell'universo e della natura – secondo loro, è un “caso che ci sia in questo modo". Detto ciò, per favore pensa a quale idea sia più logica: … credere che un caso governi tutto, o essere convinti che l'universo sia in questo modo perché è stato creato ed è gestito da Dio?

Alcune domande da prendere in considerazione:

L'universo è la creazione di un Creatore intelligente, o è sorto da un caso?

Può la “scienza" o la “teoria dell'evoluzione" confutare l'esistenza di Dio?

Questa è la verità nell'Islam: esiste un solo Dio, il Creatore e il Sostenitore dell'Universo (benedizioni e gloria su di Lui). Non consideriamo nulla e nessuno superiore o uguale a Lui. L'Unico vero Dio (Allah) ci ha creati per conoscerLo e adorarLo. Coloro che Lo adorano correttamente e seguono i Suoi comandamenti, saranno ammessi in Paradiso e avranno la vita eterna.

D'altra parte, chi disobbedisce a Dio e segue i propri desideri peccaminosi, sarà condotto … Dove ti aspetti?

Si può raggiungere la vera felicità e la pace della mente soltanto attraverso la fede e la sottomissione al Vero Dio (Allah).

CHI E' IL VERO DIO?

L'Islam risponde in modo chiaro e meraviglioso a questa domanda significativa. Ci rivela molti dettagli sull'Unico vero Dio, la Sue uniche qualità e natura. Il Glorioso Corano dice:

“Di': «Egli Allah è Unico, Allah è l'Assoluto. Non ha generato, non è stato generato

e nessuno è eguale a Lui»." (112: 1-4)

Questo è un capitolo completo del Nobile Corano. Questa bellissima Sura, breve e coincisa ci dice la verità riguardo all'Unico Dio (Allah) e alla Sua vera natura. Risponde chiaramente a domande critiche e significative che riguardano milioni di persone.

Alcune delle qualità che contraddistinguono il vero Dio (Allah) da altri che pretendono di essere dio, sono:

• Il Vero Dio è il Creatore, non è stato creato.

• Il Vero Dio è solo UNO, non di più! Non ha compagni o eguali.

• Il Vero Dio è invisibile, nessuno Lo può vedere in questa vita terrena. Non è fisicamente manifestato o incarnato in altre forme.

• Il Vero Dio è eterno, non muore e non cambia.

• Il Vero e Unico Dio, non ha bisogno di nessuno, come una madre, una moglie o un figlio o qualcosa di simile, non ha bisogno di cibo o bevande o aiuto. Sono gli altri ad avere bisogno di Lui.

• Il Vero Dio è unico nelle Sue caratteristiche, nessuno è come Lui. Nessuna descrizione Umana può essergLi attribuita.

HAI SCOPERTO QUESTI SEGRETI?

L'Islam, realizza e parla alla nostra natura umana. Parla alle nostre anime e ai nostri bisogni spirituali e intellettuali. Allah, che conosce i segreti e i pensieri delle nostre anime, menti e cuori, ci rivela i segreti per avere le chiavi della tranquillità e dell'appagamento.

COME RAGGIUNGERE LA PACE DELLA MENTE, LA TRANQUILLITA' E LA SODDISFAZIONE?

Chiave 1: Conoscere il tuo unico e vero Dio.

Chiave 2: Credere solo in Lui.

Chiave 3: Seguire la Sua volontà.

Chiave 4: Credere nei Profeti di Dio. (Incluso il Profeta Muhammad).

Chiave 5: Ricordare Dio.

Chiave 6: Cercare il perdono di Dio.

Chiave 7: Adorare solo Lui.

Chiave 8: Volere per gli altri, ciò che desideriamo per noi stessi.

Chiave 9: Essere generosi verso gli altri e cercare di renderli felici.

Chiave 10: Essere sinceri e devoti.

In breve, queste prime 10 chiavi segrete, attraverso le quali possiamo raggiungere la tranquillità, la soddisfazione e la pace spirituale e sociale sono tra i magnifici tesori del Glorioso Corano e dei detti profetici.

Per riassumere, l'Islam ci insegna attraverso due fonti autentiche, il Glorioso Corano e i detti Profetici, che possiamo ottenere la pace della mente, la felicità e la salvezza, conoscendo e credendo nel Vero Dio (Allah) e credendoci con tutto il cuore. Dobbiamo anche credere in tutti i veri Profeti di Dio (compreso il Profeta Muhammad) e seguire la loro vera giuda e i loro insegnamenti.

Così, il passaggio ad una vita felice ed eterna, si compie credendo e pronunciando queste testimonianza:

“Testimonio che non c'è altro dio all'infuori di Allah e che Muhammad è il Suo Messaggero."

Tuttavia, l'Islam ci dice che credere in Dio e nei Suoi profeti, non è sufficiente per avere la pace, la felicità e la salvezza!

Dobbiamo fare la volontà di Allah attraverso l'adorazione e l'osservazione dei Suoi comandamenti.

Sottomettersi al volere di Dio è l'essenza del messaggio di Allah. Confermando il vero significato di sottomissione a Lui otteniamo il premio per chi crede e compie il bene, Allah sottolinea nel Corano:

“Coloro che credono e compiono il bene avranno per dimora i giardini del Paradiso,." (18: 107)

In maniera simile, la Bibbia, riporta le parole dell'Apostolo di Gesù Giacomo:

“In realtà, come il corpo senza spirito è morto, così anche la fede senza opere è morta." (Giacomo 2:26)

E' interessante notare che Giacomo, (4:7) riferisce il significato di Islam come abbiamo precedentemente esposto.

“Sottomettetevi dunque a Dio.." (Giacomo 4:7)

Pertanto i musulmani sono veri seguaci di Gesù e dei Profeti. Il musulmano è una persona che sottomette il proprio volere all'Unico Vero Dio.

I musulmani hanno fede in Allah (l'Unico Vero Dio) e compiono buone azioni. Obbediscono e seguono i comandamenti che Gesù e i Profeti hanno insegnato, come credere in un solo vero Dio, pregare, prosternarsi inginocchiati in adorazione, digiunare, compiere l'elemosina e la carità, dire “Se Dio vuole" (Insha Allah), e usare il saluto di Gesù e dei Profeti: 'Pace su di voi' (As-salamu 'Alaikum).

Questi sono solo alcuni esempi ed elementi di prova che indicano chiaramente quale sia la verità, l'unità e l'universalità di questa grande e bella religione di tutti i Profeti: l'Islam.

In pratica, un musulmano o una persona che voglia divenire musulmano, deve credere nei sei pilastri della fede.

I SEI PILASTRI DELLA FEDE

1. Credere in Allah (l'Unico vero Dio) – nella Sua esistenza, nella Sua Unicità (Tawhid), nella Sua Signoria, nei Suoi Nomi e nei Suoi Attributi; infine credere che sia l'unico che merita di essere adorato.

2. Credere negli Angeli, che sono stati creati da Allah per lodarLo, obbedire ed eseguire i Suoi ordini.

3. Credere nei libri tra cui la Parola originale di Allah rivelata a Mosè e Gesù (non negli scritti umani e nelle storie narrate secondo i vari autori come nella Bibbia). Il Glorioso Corano è l'ultima parola, pura e autentica rivelata al Profeta Muhammad.

4. Credere nei messaggeri di Allah e nei profeti incluso Adamo, Noè, Abramo, Mosè, Giovanni Battista, Gesù e Muhammad. Quindi il musulmano non è un vero credente se non crede che Mosè e Gesù siano Profeti mandati dall'Unico Vero Dio (Allah), il Creatore.

5. Credere nell'Ultimo Giorno, il Giorno del Giudizio. Tutta l'Umanità sarà giudicata da Allah secondo la fede, le opera e le azioni. Alla fine del giudizio, chi verrà ammesso alla felicità della vita eterna (Paradiso) e chi sarà gettato tra le fiamme dell'Inferno?

6. Credere nel destino decretato da Allah e dalla sua infinita conoscenza di tutte le cose. I credenti pongono fiducia in Allah. Sono soddisfatti e fiduciosi in qualunque cosa Allah decreti, buona o cattiva. Cercano di non disperare, di non deprimersi, di avere speranza, di non scoraggiarsi quando una crisi o una difficoltà li colpiscono. Si rivolgono ad Allah per chiedere aiuto, supporto e ricompensa.

Questa bellissima fede in Allah e nel Suo decreto, rende i musulmani sereni e felici nonostante tutte le aggressioni, le invasioni, le occupazioni e lo sfruttamento delle loro terre, dei loro giacimenti, della loro ricchezza che avviene al giorno d'oggi e nonostante le ingiustizie, i pregiudizi, le discriminazioni e le diffamazioni a cui sono soggetti.

Questi sono, in breve, gli articoli di fede nell'islam nei quali deve credere un vero credente.

I CINQUE PILASTRI DELL'ISLAM

In aggiunta ai pilastri della fede (aspetto teorico), l'Islam ci insegna a mettere in pratica la fede. Un musulmano deve praticare cinque pilastri fondamentali dell'Islam e, in generale, compiere buone azioni. Semplicemente e brevemente questi sono i cinque pilastri (pratici) nell'Islam.

1. Shahadah (la testimonianza di fede):

“Testimonio che non c'è altro dio all'infuori di Allah, e testimonio che Muhammad è il Suo messaggero."

Traslitterazione dall'Arabo:

“ASH-HADU ALLA ILAHA ILLALLAH, WA ASH-HADU ANNA MUHAMMADAR RASULULLAH."

"أشهد أن لا إله إلا الله وأشهد أن محمدا رسول الله

Questa è la testimonianza che deve pronunciare chi vuole abbracciare l'Islam. Riflette la bellezza e la semplicità dell'Islam.

2. Salat (preghiera):

Eseguire le cinque preghiere quotidiane obbligatorie (la preghiera include la posizione eretta, inchinarsi, prosternarsi, recitare parti del Corano, lodare Dio, ricordare Allah e chiedere la Sua misericordia, il Suo perdono e il Paradiso).

Questa è la bellezza e la potenza della preghiera: ci permette di crescere spiritualmente, ci dona conforto psicologico, supporto, sollievo, tranquillità e soddisfa la nostra anima, la mente e il cuore.

Ciò che aggiunge bellezza alla preghiera è il fatto che anche i profeti di Dio come Adamo, Noè, Abramo, Mosè, Gesù e Muhammad pregavano e si prosternavano all'Unico vero Dio, Allah. Quindi i musulmani stanno seguendo le orme di quei grandi profeti e messaggeri di Dio.

Altri concetti molto belli sono legati alla preghiera: l'amore di Dio, la sottomissione e l'abbandono a Lui, la supplica, l'unità, l'uguaglianza, la sincerità, la pazienza, l'umiltà. Tutto ciò si manifesta e si impara attraverso la preghiera

Il sincero e umile 'dhikr' (ricordo di Allah) 'du'a' (supplica), 'istighfar' (ricerca del perdono), e 'salat' (preghiera) – solo verso Allah – sono chiavi meravigliose per raggiungere la pace, la tranquillità e le benedizioni.

“Coloro che credono, che rasserenano i loro cuori al Ricordo di Allah. In verità, i cuori si rasserenano al Ricordo di Allah.

"Coloro che credono e operano il bene, avranno la beatitudine e il miglior rifugio" (13:28-29)

Il vostro Signore ha detto: “InvocateMi, vi risponderò. Coloro che per superbia non Mi adorano, entreranno presto nell'Inferno, umiliati".." (40:60)

3. Zakat (elemosina):

Si tratta del conferimento obbligatorio di una certa quantità della propria ricchezza ai poveri e ai bisognosi. La Zakat (o elemosina) ci purifica da avidità e avarizia. Purifica le nostre proprietà e il denaro, e insegna la cura e la condivisione permettendo la costruzione di forti ponti d'amore e rispetto reciproco tra ricchi e poveri. Infatti, favorisce il supporto, l'aiuto, la cooperazione e la solidarietà all'interno dell'intera società.

4. Sawm (digiuno):

Sawm (digiuno) si compie astenendosi da ogni tipo di assunzione di cibo e liquidi, e dall'astensione da rapporti sessuali con il proprio coniuge per un determinato periodo di tempo (dall'alba al tramonto). Ecco alcuni dei vantaggi e degli insegnamenti del digiuno:

• Benefici spirituali. Sviluppa 'taqwa' (pietà) e sincerità. Il mese di digiuno di Ramadan è una grande opportunità per ottenere la misericordia e il perdono di Dio, per essere salvati dal Fuoco dell'Inferno e per ottenere il Paradiso.

• Benefici morali ed emotivi. Durante la scuola di Ramadan (digiuno), impariamo e sperimentiamo la fame che soffrono milioni di persone in parti diverse del mondo. Questo mese ci spinge a condividere, ci fa sentire umili, generosi e gentili.

• Benefici educativi. Il digiuno ci insegna diverse lezioni. Per esempio, possiamo imparare che cambiare o astenersi da cattive abitudini, come mangiare eccessivamente, è possibile. Inoltre, disciplina il nostro comportamento e ci insegna ad essere pazienti e ad avere auto controllo. Inoltre, ci ricorda che anche i Profeti di Dio, come Muhammad, Mosè, e Gesù usavano digiunare.

• Benefici legati alla salute. Attraverso il digiuno, il corpo si libera dalle tossine e dai grassi in eccesso. Medici e nutrizionisti consigliano il digiuno e lo descrivono come un “bruciatore di spazzatura" e una “terapia curativa". Il digiuno è un buon rimedio per diverse malattie.

Queste sono solo alcune delle bellezze e dei benefici del digiuno del mese di Ramadan.

5. Hajj (Pellegrinaggio):

L'Hajj è il pellegrinaggio alla Mecca che ogni musulmano deve compiere almeno una volta nella vita se è fisicamente, mentalmente e economicamente in grado di farlo.

Come per gli altri pilastri e principi dell'Islam, le bellezze e i vantaggi dell'Hajj sono molti. Milioni di fedeli (di razze e colori diversi, provenienti da ogni parte del mondo) rispondono al richiamo di Abramo. Meravigliosi principi si manifestano concretamente durante l'Hajj, tra cui la sottomissione e l'obbedienza ad Allah, la fratellanza dell'Islam, l'unità, la pazienza, il sacrificio, la preghiera, la carità e il digiuno. Il Pellegrinaggio islamico (Hajj) rappresenta e testimonia il più grande e unico ritrovo di fedeli nella storia dell'umanità.

Nel corso di questa grande convergenza di tutte le razze e di tutti colori che servono un solo Dio e seguono un solo messaggio. Personaggi come Malcolm X ed altri, proprio durante il loro viaggio alla Mecca, hanno imparato la lezione e la bellezza della vera fede, della fratellanza islamica e dell'uguaglianza.

“Il mio pellegrinaggio ha ampliato i miei scopi. Mi ha dato una nuova visione delle cose. In due settimane in questa Terra Santa, ho visto ciò che non avevo mai visto in trentanove anni in America. Ho visto tutte le razze, tutti i colori, - biondi con gli occhi blu, africani con la pelle nera – convivere in vera fratellanza! In unità! Vivere come fossero uno solo! Adorare come fossero uno solo!" - Malcolm X

TERZA PARTE : LA BELLEZZA E LA PUREZZA DEL SACRO CORANO

Il Sacro Corano è la costituzione rivelata da Dio (Allah) per regolare e governare la vita umana. Esso parla della creazione con la perfetta Conoscenza del Suo Creatore. Espone la verità e invita l'umanità alla verità. Contiene informazioni importanti sul destino umano.

Quando le persone si sforzano di comprendere ed applicare i suoi insegnamenti, le educa e le eleva ad un alto livello spirituale, morale, intellettuale e sociale.

Il Corano è un miracolo eterno donato al Profeta Muhammad come prova della Sua profezia. È unico ed inimitabile. Rivelato quattordici secoli fa, rimane a tutt'oggi intatto e inalterato nella suo forma originale in Arabo.

Volendo condividere con voi alcuni dei bellissimi versetti presi nell'infinito oceano delle parole e della sapienza di Dio, è stato molto difficile per me scegliere cosa riportare e non riportare su questo libro a causa dello spazio limitato che ho a disposizione.

Per questo, per scoprire di più riguardo le parole e i tesori della Parola dell'Unico vero Dio, vi invito a leggere personalmente il Corano. Cerca di leggere una copia autentica del Glorioso Corano, la puoi scaricare anche da siti islamici affidabili (per esempio www.sultan.org).

ALCUNI BELLISSIMI VERSETTI DEL CORANO

Ogni versetto del Corano corrisponde a parole di Dio. Leggiamo e godiamo del testo del Sacro Corano che rivela la versione islamica di alcuni concetti fondamentali.

Il perdono e la salvezza

“Di': “O Miei servi, che avete ecceduto contro voi stessi, non disperate della misericordia di Allah. Allah perdona tutti i peccati. In verità Egli è il Perdonatore, il Misericordioso.." (39:53)

Quando un'anima si pente e ritorna ad Allah, Lui torna verso il Suo servo in segno di accettazione e perdono.

Si, Allah perdona tutti i peccati quando ritorniamo sinceramente a Lui. Che bell'accordo!

“In verità, Allah ama coloro che si pentono e coloro che si purificano." (2: 222)

Allah, nell'Islam, è la fonte di pace, di misericordia e perdono, non fonte di odio, sangue e terrorismo.

Quindi, nell'Islam, per ottenere la salvezza e la vita eterna si può semplicemente tornare pentiti ad Allah, credere solo a Lui e compiere buone azioni. Non c'è bisogno di un innocente, una persona buona che deve essere crocifissa o uccisa per i peccati commessi da altri. L'Islam raccomanda anche ai suoi seguaci (musulmani) di perdonare il prossimo.

Questo è, in breve, il concetto di salvezza e di perdono nell'islam che è una religione di misericordia e di perdono.

Giustizia

“O voi che credete, siate testimoni sinceri davanti ad Allah, secondo giustizia. Non vi spinga all'iniquità l'odio per un certo popolo. Siate equi: l'equità è consona alla devozione. Temete Allah. Allah è ben informato su quello che fate." (5:8)

L'islam ci insegna ad essere giusti con tutte le persone, sia con gli amici che con i nemici, in ogni momento, in pace o in guerra.

L'islam insegna ai credenti a comportarsi con giustizia e morale, liberi da desideri egoistici, barriere sociali o culturali.

“Allah vi ordina di restituire i depositi ai loro proprietari e di giudicare con equità quando giudicate tra gli uomini. Allah vi esorta al meglio. Allah è Colui Che ascolta e osserva.." (4:58)

Come manifestazione pratica della sua bellezza e dei valori eterni, l'islam ci comanda di proteggere ciò che gli studiosi musulmani chiamano le Cinque Necessità.

Le Cinque Necessità

1. Religione

2. Anima

3. Mente

4. Onore (dignità)

5. Denaro (e tutto ciò che possediamo)

Il Glorioso Corano ha splendidamente sottolineato che ci uccide un'anima innocente - “sarà come se avesse ucciso l'umanità intera. E chi ne abbia salvato uno, sarà come se avesse salvato tutta l'umanità.." (5:32)

Per quanto riguarda la libertà e la tutela della fede, il Glorioso Corano afferma:

“Non c'è costrizione nella religione…" (2:256)

Così, l'islam onora l'umanità e non obbliga nessuno ad abbracciare la fede con la forza. Questa è la verità, la bellezza, la giustizia, la bontà e la tolleranza dell'islam quando si tratta di non-musulmani.

Quindi, dobbiamo essere onesti, oggettivi e giusti nel giudicare gli altri. Ricordiamo ciò che Allah ci dice nel Glorioso Corano:

“…Non vi spinga all'iniquità l'odio per un certo popolo. Siate equi: l'equità è consona alla devozione.…"(5:8)

Ciò nonostante, per quanto riguarda i leader politici e religiosi sleali, gli scrittori, gli storici, i media e le persone che ingiustamente accusano l'islam e tutti i musulmani di terrorismo, e sostengono che l'islam sia stato diffuso con la forza e la spada, e quelle persone con cuore malato che raffigurano Allah, l'Unico vero Dio e il Suo ultimo Profeta Muhammad in irrispettose vignette, mi chiedo:

• E' questo che si intende per libertà e libertà di parola – non esiste un criterio diverso quando si tratta di Islam o di musulmani? (Per esempio: perché non si sente parlare di “terroristi cristiani" o “terroristi ebrei" anche se non mancano atrocità commesse da persone appartenenti a quelle fedi?)

• Chiunque è libero di insultare, maledire o disprezzare gli altri e la loro fede, o di accusarli di terrorismo?

• E' questo il modo in cui la civiltà, la democrazia e la libertà vengono insegnate alle giovani generazioni nelle scuole, nei licei e nella società in generale?

• E' davvero la spada che impone a migliaia di uomini e donne in tutto il mondo di abbracciare l'islam al giorno d'oggi? (Molti libri, articoli e siti internet discutono del perché e come molti fratelli e sorelle ritornano all'islam. Per esempio, vi consiglio: Islam la nostra scelta, Ritratti di moderni americani musulmani– edito da Debra L. Dirks e Stephanie Parlove disponibili on line).

Inoltre, secondo recenti rapporti americani e occidentali, l'islam è la religione che cresce più velocemente al mondo.

Quindi, perchè Islam?

Uguaglianza

“O uomini, vi abbiamo creato da un maschio e una femmina e abbiamo fatto di voi popoli e tribù, affinché vi conosceste a vicenda. Presso Allah, il più nobile di voi è colui che più Lo teme. In verità Allah è sapiente, ben informato.." (49: 13)

Confermando questo bellissimo concetto di uguaglianza, il Profeta Muhammad, nel suo ultimo Sermone disse:

“O gente! Allah dice: O uomini, il vostro Dio è Uno e il vostro padre è uno. Siete tutti discendenti di Adamo, e Adamo è stato creato dalla terra. Un arabo non é superiore ad una persona non araba, e una persona non araba non è superiore ad un arabo. Né un bianco è superiore ad un nero, né un nero è superiore ad un bianco. Siete tutti uguali. Nessuno è superiore ad un altro se non in fatto di: timore verso Allah e buone azioni."

L'Islam ci insegna a non odiare o sminuire gli altri in base alla loro razza, al colore della loro pelle o alla loro nazionalità.

L'Islam è un rimedio pratico per il conflitto razziale e le discriminazioni di cui il mondo è testimone.

Nell'Islam, bianchi e neri sono fratelli appartenenti alla stessa razza umana. Proveniamo tutti dallo stesso padre Adamo, che è stato creato dalla terra. Arriviamo tutti dalla terra, ritorneremo di nuovo alla terra e il nostro corpo diverrà polvere.

Questa è una lezione importante che possiamo apprendere dalle citazioni del Corano riportate qui sopra e dall'ultimo Sermone del Profeta. E questa è la lezione che Malcolm X apprese in occasione del suo viaggio a Mecca per compiere l' Hajj (pellegrinaggio).

Allora, perché alcune persone si sentono o agiscono con arroganza e orgoglio verso gli altri?

Universalità e Unità del Messaggio

“Dite: “Crediamo in Allah e in quello che è stato fatto scendere su di noi e in quello che è stato fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e sulle Tribù, e in quello che è stato dato a Mosè e a Gesù e in tutto quello che è stato dato ai Profeti da parte del loro Signore, non facciamo differenza alcuna tra di loro e a Lui siamo sottomessi"." (2:136)

I musulmani amano e credono in tutti i Profeti di Dio, incluso Adamo, Noè, Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe, Mosè, Gesù, e Muhammad (pace e benedizione su tutti loro).

Il Profeta Muhammad disse, “Sono il più vicino di tutte le persone a Gesù, il figlio di Maria. Perché non c'è nessun Profeta tra me e lui [Gesù]. I profeti sono fratelli, le loro madri sono diverse, ma la loro religione è la stessa"

Allora, che cos'è questa unica e universale religione di tutti i Profeti di Dio?

ALTRI MERAVIGLIOSI VERSETTI SU CUI RIFLETTERE

La bellezza, la dolcezza e la purezza del Glorioso Corano sono illimitate, quindi vorrei semplicemente riportare alcuni versetti del Corano senza alcun commento o spiegazione, per poterci riflettere e pensare. Provate a scoprire i tesori dell'ultimo testamento: il Corano.

Allah e il Suo Messaggero

“Egli è Colui Che ha inviato il Suo Messaggero con la guida e la religione della verità..." (48:28)

“Muhammad non è padre di nessuno dei vostri uomini, egli è l'Inviato di Allah e il sigillo dei profeti. Allah conosce ogni cosa." (33.40)

Tranquillità e Paradiso

“Egli è Colui Che ha fatto scendere la Pace nel cuore dei credenti, affinché possano accrescere la loro fede: [appartengono] ad Allah le armate dei cieli e della terra, Allah è sapiente, saggio.

[Lo ha fatto] per far entrare i credenti e le credenti nei Giardini in cui scorrono i ruscelli, dove rimarranno in perpetuo, per mondarli dei loro peccati - questo è successo enorme presso Allah -" (48:4-5)

“O anima ormai acquietata, ritorna al tuo Signore soddisfatta e accetta; entra tra i Miei servi, entra nel Mio Paradiso" (89.27-30)

Uomini e Donne (in Islam)

“In verità i musulmani e le musulmane, i credenti e le credenti, i devoti e le devote, i leali e le leali, i perseveranti e le perseveranti, i timorati e le timorate, quelli che fanno l'elemosina e quelle che fanno l'elemosina, i digiunatori e le digiunatrici, i casti e le caste, quelli che spesso ricordano Allah e quelle che spesso ricordano Allah, sono coloro per i quali Allah ha disposto perdono ed enorme ricompensa." (33:35)

“Quanto a coloro che, uomini o donne, operano il bene e sono credenti, ecco coloro che entreranno nel Giardino e non subiranno alcun torto..." (4.124)

Insegnamenti brillanti

“Affrettatevi al perdono del vostro Signore e al Giardino vasto come i cieli e la terra, che è preparato per i timorati, quelli che donano nella buona e nella cattiva sorte, per quelli che controllano la loro collera e perdonano agli altri, poiché Allah ama chi opera il bene, e quelli che, quando hanno commesso qualche misfatto o sono stati ingiusti nei confronti di loro stessi, si ricordano di Allah e Gli chiedono perdono dei loro peccati (e chi può perdonare i peccati se non Allah?), e non si ostinano nel male consapevolmente. Essi avranno in compenso il perdono del loro Signore e i Giardini in cui scorrono i ruscelli, e vi rimarranno in perpetuo. Che bella ricompensa per coloro che ben agiscono!" (3:133-136)

Cosa fare e cosa non fare

“Non adorerete altri che Allah, vi comporterete bene con i genitori, i parenti, gli orfani e i poveri; userete buone parole con la gente, assolverete all'orazione e pagherete la decima!" (2:83)

Ricordo e Pace

“coloro che credono, che rasserenano i loro cuori al Ricordo di Allah. In verità, i cuori si rasserenano al Ricordo di Allah.." (13:28)

In conclusione di questa sezione, credetemi: verità, bellezze e meraviglie del Glorioso Corano non hanno fine. Quanto più lo leggiamo, quante più scoperte facciamo e ogni volta sembra che lo leggiamo per la prima volta.

Inoltre, ci sono molte altre aree di interesse, come la natura linguistica, scientifica o miracolosa del Corano, che non ho incluso in questo piccolo libro.

QUARTA PARTE UNA PAUSA: UN BELLISSIMO CONTRIBUTO La Religione di Adamo ed Eva

di Linda Barto* (USA)

Una delle bellezze dell'Islam è la scoperta che Dio non ha creato gli uomini come esseri spirituali per poi abbandonarci a comprendere da soli il valore e lo scopo del nostro io spirituale. Ci ha dotato del discernimento e della sete di verità. Ha fornito ad ogni persona come guida un bicchiere che non si svuota finché lui o lei continueranno ad attingere da essa. Attraverso il prisma della perfezione di Dio, la sua luce proietta un arcobaleno di misericordia, di grazia e giustizia; e le nostre anime sono colorate con la fede perfetta che Dio ha creato per noi.

Dio ha creato il mondo e tutto ciò che è in esso per il bene dell'umanità, pertanto è sensato che la sua creazione includesse una religione vera e perfetta. Qual'era la religione che Dio ha ordinato per Adamo ed Eva? Secondo il Corano, la religione scelta per noi era semplicemente la completa sottomissione a Dio, che, in arabo, si chiama Islam. Il Corano la descrive come la religione di Abramo, che fu chiamato amico intimo di Dio, poichè egli semplicemente si sottomise a Dio.

La prospettiva islamica è che ogni persona nasce con un'anima in sottomissione a Dio, ma che lui o lei è libero di fare scelte che si conformano o che deviano dalla vita di rettitudine, per la quale lui o lei è stato creato.

Ad un certo punto della vita, ogni persona deve prendere una decisione personale se restare entro la strada di sottomissione a Dio o di indulgere in uno corrotto stile di vita incentrato su egoismo, materialismo, e gratificazioni empie. Naturalmente, molte persone sono trascinati via dal sentiero vero e dedito al bene da parte di genitori non credenti o da circostanze violente o tragiche prive di nutrimento spirituale. Secondo la prospettiva islamica Dio è Colui che giudica in base alla capacità di comprendere e alle innate inclinazioni di ciascun individuo; possiamo essere certi che le sue decisioni nel Giorno del Giudizio saranno eque.

Quando una persona presenta tutto il proprio essere profondo a Dio, ogni aspetto dell'essere di una persona - mente, corpo e anima - deve essere dedicata a Dio. Mantenere la propria anima incontaminata attraverso la preghiera e il culto è di vitale importanza, ma è anche importante per esporre la mente alla conoscenza retta e di impegnare il corpo in uno stile di vita sano. L'Islam offre l'opportunità di scoprire il nostro essere totale per come siamo stati creati e come simo chiamati a divenire. Diventando musulmani, si realizza il nostro vero io, e lasciamo alle spalle un bagaglio faticoso, così potremo percorrere con serenità il cammino sul quale i nostri piedi si sono posati quando siamo nati.

Le verità dinamiche dell'Islam possono amplificare e chiarire le verità di tutte le religioni, mentre vi aiutano a discernere e abbandonare la falsità. L'abbraccio dell'Islam è universale.

*Linda Barto è una scrittrice Americana, poeta e artista.

QUINTA PARTE : LA VERITA' SULL'ULTIMO PROFETA

Muhammad (pace e benedizione su di lui) figlio di Abdul-Lâh, nacque a Mecca attorno all'anno 570 d.c.

Muhammad era conosciuto dalla sua gente come Al-Amin (il degno di fiducia).

Quando Muhammad compì 40 anni, l'angelo Gabriele gli portò la rivelazione. Gli fu ordinato innanzitutto di guidare all'islam la sua famiglia, tra cui sua moglie Khadija. Più avanti gli fu rivelato di iniziare a trasmettere il messaggio a tutta l'umanità. Negli anni successivi inizia a comunicare il messaggio di Allah a tutti, divenendo un modello ed un esempio eccellente per tutta l'umanità. Nell'anno 632 d.c., il Profeta Muhammad morì all'età di sessantatre anni.

Il Profeta Muhammad (pace e benedizione su di lui) è chiamato “il sigillo dei Profeti." E' stato l'ultimo profeta ed è stato mandato per confermare tutte le verità che furono rivelate prima di lui, tra cui il vangelo originale di Gesù.

Il Glorioso Corano testimonia che “Muhammad è il Messaggero di Allah, e il Sigillo dei profeti." (33:40)

Confermando il legame tra lui e Gesù, il Profeta Muhammad disse, “Se un uomo crede in Gesù e quindi crede in me [Muhammad], otterrà una doppia ricompensa."

Inoltre, il Profeta Muhammad ha dichiarato: “Io sono il più vicino a Gesù, il figlio di Maria, perché non c'è nessun profeta tra me e lui [Gesù]. "

Queste parole profetiche dimostrano come Muhammad rispetti Gesù (che Dio li benedica entrambi). Questa era una profezia che Gesù fece nella Bibbia. La spiegherò più avanti.

LA GRANDE PERSONALITA' DEL PROFETA MUHAMMAD

Muhammad, dalla sua infanzia, attraverso la sua giovinezza, durante il periodo profetico, e fino alla sua morte, si è contraddistinto come una persona leale, dalla grande personalità, oltre ad un carattere ed una morale unici. Era misericordioso, onesto, sincero, gentile e umile. Ogni dettaglio della sua vita privata e delle sue dichiarazioni pubbliche è stato accuratamente documentato e fedelmente conservato fino ai giorni nostri.

Egli era un profeta, un messaggero, un maestro religioso, un riformatore sociale, una guida morale, un leader, un uomo di stato, un amico fedele, un compagno meraviglioso, un marito devoto e un padre amorevole.

A questo proposito, Ramakrishna Rao, un Professore di Filosofia indiano, nel suo libro, Muhammad: Il Profeta dell'Islam, si riferisce a lui come ad "un perfetto modello per la vita umana." Il Professor Rao chiarisce:

La personalità di Muhammad è troppo difficile da rappresentare nella sua interezza e verità. La si può cogliere solo come una successione di scene e di ruoli. Esiste Muhammad, il Profeta. Esiste Muhammad, il Commerciante; Muhammad il Legislatore, Muhammad l'Oratore, Muhammad il Riformatore, Muhammad il Rifugio degli Orfani, Muhammad il Protettore degli Schiavi, Muhammad l'Emancipatore delle Donne, Muhammad il Giudice. In tutti questi magnifici ruoli, e settori dell'attività umana, egli è come un eroe."

Storicamente, nel corso di un breve periodo di 23 anni della sua profezia, ha cambiato la penisola arabica…

• Dal paganesimo e dall'idolatria si è passati alla sottomissione ad un solo Dio…

• Da liti tribali e guerre si è passati alla solidarietà e coesione…

• Da ubriachezza e depravazione si è passati alla pietà e sobrietà…

• Dall'illegalità e l'anarchia al modo di vivere disciplinato…

• Dal corruzione morale ai più alti standard di eccellenza morale.

La storia umana non ha mai conosciuto una tale trasformazione di una società o di un luogo come ai tempi del Profeta, e tutti questi cambiamenti in poco più di due decenni.

IL PROFETA MUHAMMAD NEI TESTI DI TUTTO IL MONDO

Anche se non è il tema principale di questo libro, il dettaglio delle profezie in altre scritture religiose che predicevano la venuta del Profeta Muhammad, devo elencare come gli studiosi musulmani hanno notato la descrizione dei Parsi, Hindu, Buddisti, Ebrei e le scritture Cristiane, a proposito del Profeta (pace e benedizione su di Lui).

In effetti, il Profeta Muhammad in altre scritture è un argomento molto interessante, che è ampiamente discusso in molti libri e articoli, oltre che, come sempre, su internet. (Per avere maggiori informazioni su questo argomento, visitate la pagina web del Dott. Zakir Naik www.irf.net, o cercate semplicemente su internet inserendo queste parole nella ricerca: “Profeta Muhammad", “Muhammad nelle scritture Hindu", “Muhammad nella Bibbia", ecc.).

Tra i libri, per esempio, A. H. Vidyarthi e ﷻ‬. Ali hanno scritto un libro dal titolo Muhammad in Parsi, Hindu, and Buddhist Scriptures.

In questo bellissimo libro, Muhammad nella Bibbia, il Professor Abdul-Ahad Dawud (precedentemente Reverendo David Benjamin) commentava la Bibbia predicendo l'avvento del profeta che è 'simile a Mosè', spiegando:

“Leggiamo le seguenti parole nel Libro del Deuteronomio, capitolo 18 versetto 18: “Io susciterò loro un profeta come te, di mezzo ai loro fratelli, e porrò le mie parole nella sua bocca, ed egli dirà loro tutto quello che io gli comanderò." Se queste parole non si riferiscono a Muhammad, rimangono incompiute. Gesù stesso non ha mai affermato di essere il Profeta alludendo a …. Gesù, come viene creduto nella sua Chiesa, apparirà come un Giudice non come un legislatore; ma quello promesso verrà con il “fuoco della legge" nella “sua mano destra" Deuteronomio 33:2

Gli studiosi musulmani sostengono che questa profezia non si applica a nessun'altro oltre che a Muhammad. Mosè e Muhammad sono molto simili sotto certi aspetti. Hanno la stessa iniziale nel loro nome. Sono simili nella loro nascita, nei matrimoni, nelle missioni e nella morte. Entrambi erano profeti, governanti, dirigenti e uomini di stato. Entrambi portano una "fiery law." Di contro, Gesù è diverso da Mosè per diverse ragioni. La sua nascita, la sua missione e la sua fine sono differenti da quelle di Mosè. Gesù non si sposò, non governò il suo popolo o combatté in guerre come fece Mosè.

Vale la pena ricordare che “un profeta in mezzo ai suoi fratelli" si riferisce ad un profeta degli Ismaeliti.

Nel Nuovo Testamento della Bibbia, anche Gesù profetizzò l'arrivo di un altro Consolatore. Gesù dichiarava, “ed egli vi darà un altro Consolatore" (Giovanni 14:16).

In più, Gesù disse:

Ora io vi dico la verità: è bene per voi che io me ne vada, perché, se non me ne vado, non verrà a voi il Consolatore; ma quando me ne sarò andato, ve lo manderò. E quando sarà venuto, egli convincerà il mondo quanto al peccato, alla giustizia e al giudizio. Quanto al peccato, perché non credono in me; quanto alla giustizia, perché vado dal Padre e non mi vedrete più; quanto al giudizio, perché il principe di questo mondo è stato giudicato. Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera, perché non parlerà da sé, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annunzierà le cose future. Egli mi glorificherà …." (Giovanni 16:7-14)

Dunque, chi è “l'altro Consolatore" che verrà dopo Gesù?

In effetti gli studiosi islamici affermano che, per molte ragioni, è solo Muhammad che realizza pienamente la profezia di Gesù. Per menzionarne alcune:

• il riferimento di Gesù ad un “altro Consolatore" non si può applicare allo Spirito Santo poiché lo Spirito Santo (parte della Trinità – Dio Padre, Dio Figlio e Dio lo Spirito Santo, in accordo con quanto credono i Cristiani) era presente prima dopo e durante la missione di Gesù, come scritto nella Bibbia, mentre il Consolatore deve venire dopo.

• inoltre, Muhammad è venuto per mettere in guardia le persone dal peccato e per raccomandare loro la giustizia. Era un capo e un giudice con la 'legge' nella 'sua mano destra'.

• Muhammad ha guidato le persone alla verità ultima riguardante l'Unico Vero Dio, la verità sulla fine di questa vita, sulla vita futura e sulla vita eterna e su molte altre cose.

• Ci ha mostrato gli insegnamenti attraverso molte profezie e miracoli impartitegli da Colui che lo ha mandato: Allah.

• Muhammad era un profeta che "non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che udrà." E' stato lo strumento attraverso il quale Dio ha rivelato la Sua Parola: il Glorioso Corano. E Muhammad ha recitato la Parola di Dio nel Nome di Allah. La Bibbia profetizzava che “egli parlerà in Mio nome …" (Deut. 18:19). Infatti i capitoli del Glorioso Corano sono preceduti dalla frase “In Nome di Allah."

• Muhammad e il Glorioso Corano glorificano altamente Gesù (pace su di loro). In onore a lui, i musulmani amano chiamare i loro bambini Isa (nome arabo di Gesù).

Inoltre, quando i Giudei chiesero a Giovanni Battista chi fosse, negò di essere il Cristo o Elia o il Profeta. “…«Chi sei tu?». Egli confessò e non negò: «Io non sono il Cristo». Allora gli chiesero: «Che cosa dunque? Sei Elia?». Rispose: «Non lo sono». «Sei tu il profeta?». Rispose: «No»". (Giovanni 1:19-21)

Anche in questo caso, studiosi musulmani affermano che in questo testo biblico ci si riferisce a Muhammad:

«Sei tu il profeta?». Rispose: «No»". Quindi chi è il Profeta? Chiaramente “questo Profeta" non si riferisce a Giovanni Battista, né a Gesù Cristo come lo stesso Giovanni ha testimoniato.

Pertanto, un saggio, onesto e sincero ricercatore della verità dovrebbe oggettivamente chiedere:

• Chi è il Profeta?

• Chi è il vero Profeta che è venuto dopo Giovanni e Gesù trasmettendo il loro messaggio originale riguardo l'Unico solo Vero Dio?

E' Muhammad!

ESTRATTI SU QUANTO VIENE DETTO DEL PROFETA MUHAMMAD

Molto è stato scritto circa il Profeta Muhammad (pace e benedizione su di lui). Qui di seguito riportiamo alcune affermazioni di personaggi illustri:

Lamartine (famoso storico) disse: “Se la grandezza dei propositi, l'esiguità dei mezzi ed i risultati stupefacenti sono i tre criteri di valutazione del genius umano, chi potrebbe osare paragonare qualunque grande personaggio della storia moderna con Muhammad?"

Conclude: “Considerando gli standard con cui valutare la grandezza umana è lecito chiedere: "vi è forse alcun uomo più grande di lui ?" (Histoire De La Turquie, Paris 1854 – Vol. II, pp. 276 – 277)

Nel suo libro, I 100: una classifica delle persone più influenti della storia, Michael H. Hart dichiara: “La mia scelta di porre Muhammad a capo della lista delle persone più influenti del mondo, potrà stupire alcuni lettori ed essere discussa da altri, ma egli è stato il solo uomo della storia, che abbia ottenuto il massimo successo sia sul piano religioso che su quello secolare".

Hart conclude che, “è questa combinazione senza precedenti di influenza secolare e religiosa che mi fa considerare Muhammad la più influente figura della storia umana."

Nel suo libro, Il Vero Islam, Sir George Bernard Shaw disse: “Credo che se un uomo come lui assumesse il comando del mondo moderno, egli avrebbe avuto successo nel risolvere i problemi in un modo che avrebbe portato molta più pace e benessere".

Shaw aggiunse che: “È stato di gran lunga l'uomo più straordinario che abbia mai messo piede su questa terra. Egli predicò una religione, fondato uno stato, costruito una nazione, stabilito un codice morale, avviato numerose riforme sociali e politiche, istituito una società potente e dinamica che potesse praticare e rappresentare i suoi insegnamenti e rivoluzionato completamente il mondo del pensiero e del comportamento umano per tutti tempi a venire.."

Mahatma Gandhi sottolineò: “Mi sono sempre più convinto che non sia stata la spada a far conquistare all'Islam il posto nello schema della vita in quei tempi. È stata la rigida semplicità, la totale cancellazione di sé del Profeta, il rispetto scrupoloso per i suoi impegni, la sua intensa pietà per questi amici e seguaci, la sua audacia, il suo coraggio, la sua assoluta fiducia in Dio e nella sua missione.." (Young India Newspaper)

Wolfgang Goethe (il più famoso poeta europeo) riteneva che: "Egli è un Profeta, non un poeta, quindi il Corano è una legge sacra, non un testo scritto dall'uomo per istruire o per divertire.."

L'Enciclopedia Britannica (Vol. 12) cita: "...Molti documenti evidenziano che Muhammad (la pace e le benedizioni di Allah su di lui) era un uomo leale, fidato, che ha conquistato il rispetto e la benevolenza di molti uomini rispettabili e fidati.."

“...Muhammad è stato coLui che ha avuto più successo tra i Profeti e le figure religiose."

Thomas Carlyle, nel suo libro, Eroi ed eroismo, dichiara: "Come ha potuto un singolo uomo essere in grado di unire le tribù in lotta, i beduini nomadi in una nazione tra le più forti e civilizzate in meno di due decenni?"." …"Le bugie (calunnie occidentali) che lo zelo bene intenzionato ha accumulato attorno a quest'uomo sono disonorevoli soltanto per noi stessi."

In un lavoro più recente, John Esposito (che è un professore universitario di religione e affari internazionali, Direttore del Centro per gli Studi Internazionali presso il Collegio della Santa Croce, fondatore e direttore di PABT Centro per la comprensione tra musulmani e cristiani, Georgetown University, USA) ha sottolineato nel suo libro Islam: La Retta Via: “Muhammad era tra le grandi figure religiose di profeti e fondatori di religioni, il cui carattere ha ispirato fiducia e impegno. Il suo fenomenale successo nell'attrarre seguaci e nella creazione di una comunità-stato che ha dominato l'Arabia, potrebbe essere attribuito non solo al fatto che era un astuto stratega militare, ma anche per il fatto che era un uomo raro e insolito … Chi segue Muhammad lo trova giusto, affidabile, pio, onesto e compassionevole." (Esposito, 2004)

Ha chiarito che “Muhammad non è stato il fondatore dell'Islam; non ha iniziato una nuova religione."

Il Professor Esposito ha sottolineato questo fatto: “L'Islam ha portato una riforma; è stato ancora una volta la chiamata alla totale sottomissione (Islam) ad Allah e l'attuazione della sua volontà che si rivela nella sua forma più completa attraverso Muhammad l'ultimo sigillo dei profeti. Così, per Muhammad, l'Islam non era una nuova fede ma il ristabilimento della vera fede..."

ALCUNI DETTI PROFETICI

Ricordi cosa avevamo detto nella prima parte di questo libro? (La punta di un iceberg) I concetti menzionati erano basati sul Corano e sui detti del Profeta Muhammad. Qui di seguito ci sono alcuni esempi dei detti profetici, per darvi un assaggio della loro bellezza e dolcezza:

“Una buona parola è carità."

“Un sorriso sincero è carità."

“Il migliore tra voi è il migliore nel carattere."

“Rimuovere qualcosa di dannoso dal percorso (strada) è carità."

“Il miglior [aspetto] della fede è la pazienza e la tolleranza."

• Un uomo chiese al Messaggero di Allah: “Quale aspetto dell'Islam è il migliore?" Rispose, “Sfamare e salutare sia chi conosci sia chi non conosci."

Inoltre, il Profeta Muhammad (pace e benedizione su di lui) disse:

• "Il Misericordioso (Dio) ha misericordia di coloro che sono misericordiosi. Se avrete misericordia di coloro che sono sulla terra, coLui che è nei cieli avrà misericordia di voi."

“Nessuno di voi crede (completamente) fino a che non desidera per suo fratello quello che ama per se stesso."

“Chi mangia a sazietà mentre il suo vicino di casa va dorme senza cibo, non è un vero credente."

“L'uomo potente non è colui che è in grado di lottare, ma l'uomo potente è colui che è in grado di controllare se stesso nel momento della rabbia."

“Dio non giudica secondo l'aspetto e le ricchezze, ma Egli scruta il tuo cuore e le tue azioni.."

• “Il migliore di voi è colui che è migliore con la propria famiglia, ed io sono il migliore con la propria famiglia".

“..E il migliore tra di loro è colui che è il migliore con le proprie mogli.""

“Il migliore in Islam è chi si comporta con gentilezza e tolleranza."

“Le persone migliori sono quelle più utili alle [altre] persone."

Questi sono solo alcuni esempi dei meravigliosi e saggi detti profetici.

Praticando ciò che ha insegnato e il suo modo di relazionarsi con il prossimo, le azioni del Profeta Muhammad riflettono la sua personalità speciale, la sua morale, la misericordia, l'onestà, la sincerità, la gentilezza, l'umiltà, la generosità, il perdono, la pazienza, e tante altre grandi qualità. Le storie, gli esempi e le prove di tutte le magnifiche caratteristiche del Profeta, sono troppo numerose per poterle menzionare in dettaglio. Facciamo solamente alcuni esempi:

• I suoi avversari Meccani lo respinsero e non credettero al suo messaggio, l'Islam...

• Lo perseguitano, maltrattarono e cercarono più volte di ucciderlo...

• Torturarono e uccisero molti dei suoi seguaci e delle persone a lui care..

• Combatterono lui e i suoi compagni e li fecero uscire dalle loro case, delle loro proprietà e dalla loro terra …

Qual è stata la reazione di Muhammad nei confronti dei suoi nemici meccani quando è entrato in Mecca liberandola dall'idolatria e dal paganesimo?

Sulla scia della vittoria di Muhammad e dei musulmani, al culmine della loro gioia, del loro entusiasmo e della felicità di tornare a casa nella città sacra di Mecca, il Profeta Muhammad decise di riunire tutti i Meccani che temevano di essere uccisi o feriti per vendetta.

Muhammad chiese loro: “Come pensate che agirò con voi?" Risposero: “Sei un fratello generoso, e figlio di un nostro onorevole fratello." Poi, il Profeta, nella Sua gentilezza, tolleranza, generosità e misericordia, li perdonò annunciando: “Nessuno vi nuocerà. Potete andare. Siete liberi."

• Avete mai visto una cosa del genere?

• Avete mai sentito una storia del genere?

• Potete percepire la clemenza del Profeta?

Descrivendo questo evento storico senza precedenti, il Professor John Esposito dichiarò: “Evitando la vendetta e il saccheggio dopo la conquista, il Profeta accetta un accordo, concede un'amnistia piuttosto di brandire la spada verso i suoi ex nemici. Da parte loro, i meccani convertiti all'Islam, accettano la guida di Muhammad ed entrano a far parte della Umma (comunità musulmana)".

Al contrario, siete a conoscenza di quali atrocità varie nazioni o “super-potenze" hanno commesso attaccando, invadendo, torturando gli altri nel corso della storia umana?

In realtà, più scopriamo dettagli sulla vita di Muhammad, tanto più realizziamo la sua eccellente condotta e il suo meraviglioso carattere, infatti “Non ti mandammo se non come misericordia per il creato." (il Glorioso Corano, 21:107).

Il Profeta Muhammad disse: “Sono stato mandato per perfezionare ogni qualità morale."

Per confermare questo fatto, il Glorioso Corano riporta: “e in verità di un'immensa grandezza è il tuo carattere.." (68:4)

SESTA PARTE : I BELLISSIMI NOMI E LE CARATTERISTICHE DI ALLAH

Questi sono solo alcuni delle qualità e delle caratteristiche di Allah:

• Allah: Il nome dell'Unico Vero Dio.

• Ar-Rahman: Il Misericordioso

• Ar-Rahim: Il Compassionevole

• Al-Malik: Il Re

• Al-Quddûs: Il Santo

• As-Salâm: La Pace

• Al-Hakam: Il Giudice

• Al-Alîm: Il Sapiente

• Al-Basîr: Colui che tutto osserva

• As-Samî': Colui che tutto ascolta

• Al-Adil: Il Giusto

• Al-Adhîm: L'Immenso

• Al-Ghafûr: Colui che perdona

• Al-Alî: L'Altissimo, il Sublime

“Le qualità di assoluta bellezza e perfezione appartengono ad Allah, l'Unico Vero Dio. Infatti, Allah ama la bellezza" (detto profetico).

SETTIMA PARTE : CONCLUSIONI

L'Islam è la vera religione di Adamo ed Eva e dei loro figli fino alla fine di questo mondo. E' semplice, logica, chiara, pratica e completa. La bellezza dell'Islam è infinita, dal momento che viene dall'Infinito, il Creatore.

L'Unico Vero Dio, Allah, dichiara nel bellissimo e inalterato Corano:

Oggi ho reso perfetta la vostra religione, ho completato per voi la Mia grazia e Mi è piaciuto darvi per religione l'Islàm.. (5:3)

Lo Stesso Unico e Vero Dio, ci dice che Muhammad è il Suo ultimo Profeta, inviato a tutti gli uomini (Ebrei, Cristiani, Musulmani, Indù, Buddisti, Atei, Agnostici, ecc.).

Allah ha offerto la Sua guida e la Sua luce a tutte le persone, ha rivelato i segreti e le chiavi attraverso le quali possiamo raggiungere la tranquillità, l'appagamento spirituale e sociale, e la pace in generale.

L'Islam ci insegna ad essere giusti, saggi, sinceri, onesti, obiettivi, ad aprire la mente nella ricerca della verità, e quando si tratta di giudicare o relazionarsi con gli altri.

La ricerca della verità dovrebbe essere basata su fonti attendibili e fatti autentici. Dobbiamo saper trattare e giudicare gli altri con giustizia, atteggiamento positivo, dialogo, rispetto reciproco e comprensione chiara.

SITI UTILI:

www.360itsrealbeauty.com

www.sultan.org

www.islamway.com

www.islamhouse.com

www.islam-guide.com

PUBBLICAZIONI DELL'AUTORE

• Who is the True God?

• God in Christianity: What is His Nature?

• Just One Message!

Naji Ibrahim Arfaj

E-mail: [email protected]

Website: www.360itsrealbeauty.com

Tel. +966505913113

P.O. Box 418 Hofuf, Ahsa 31982 KSA

ABOUT THE AUTHOR

Il Dott. Naji Arfaj ha frequentato la Michigan State University, USA e ha completato la sua M.A. e Ph.D. in Linguistica Applicata nel 1995. Ha trascorso più di 20 anni nella ricerca riguardo la religione comparata. Il suo ultimo libro, "Have You Discovered its Real Beauty?" è il risultato della sua vasta ricerca ed esperienza. Tiene spesso conferenze in tutto il mondo.

Il Dott. Naji è autore di molti libri (disponibili su Internet- www.abctruth.net), e presenta programmi radio e TV. E' anche direttore dell'Inter-Cultural Communication Center in Arabia Saudita e capo del Dipartimento di lingua inglese presso l'Imam University. Ahsa Branch –

Eastern Province, Saudi Arabia.

Categorie:

Feedback