FARE L’ELEMOSINA A UNA PERSONA PREGANDOVI ASSIEME DOPO L’ALBA (AL-FAJR)

Mufti : Muhammad ibn Saleh Al Othaimiin

Traduzione:

Revisione:

Descrizione

FARE L’ELEMOSINA A UNA PERSONA PREGANDOVI ASSIEME DOPO L’ALBA (AL-FAJR)

Download
Manda un commento al Webmaster

Descrizione completa

    FARE L’ELEMOSINA A UNA PERSONA PREGANDOVI ASSIEME DOPO L’ALBA

    (AL-FAJR)

    Ash-Shaykh Muĥammad Şāliĥ Ibn ‘Uthaymīn

    Traduzione: Maria Pragliola

    Revisione: Rezk Mohamed A. Ismaeil

    التصدق علي شخص بالصلاة معه بعد الفجر

    (باللغة الإيطالية)


    الشيخ محمد بن صالح العثيمين

    ترجمة: ماريا براليولا

    مراجعة: رزق محمد عبد المجيد إسماعيل

    FARE L’ELEMOSINA A UNA PERSONA PREGANDOVI ASSIEME DOPO L’ALBA (AL-FAJR)

    Un uomo ha compiuto la preghiera dell’Alba (Al-Fajr) in congregazione, poi un altro è arrivato in ritardo e ha chiesto al primo di pregare con lui in qualità di preghiera supererogatoria così da poter guadagnare la ricompensa della preghiera in congregazione. Qual è il giudizio riguardo a ciò?

    La lode a Iddio.

    Non v’è male, se un uomo arriva dopo [le preghiere de] l’Alba (Al-Fajr) o del Pomeriggio (Al-᾿Asr) e ha mancato la preghiera, acché un altro uomo preghi assieme a lui e, in tal modo, gli faccia elemosina, poiché la regola è che ogni preghiera supererogatoria avente una causa specifica può essere eseguita nell’arco di tempo di interdizione come il caso del Saluto alla Moschea (Tahīyyatu Al-Masjid), della prosternazione della recitazione (Sujūd At-Tilāwah), della preghiera di Istikhārah in occasione di una questione il cui termine si conclude prima del termine del tempo di interdizione, del fare elemosina alla persona che arriva dopo la preghiera del Pomeriggio o dopo quella dell’Alba, e di altre circostanze simili.

    Da “Liqā῾ Al-Bāb Al-Maftūĥ” di Ibn ‘Uthaymīn (pag. 169).

    Feedback