32 - As-Sajdah ()

|

(1) Ǣlif, Lǣ-ǣm, Mī-īm الٓمٓ

(2) La rivelazione del Libro, su cui non c'è dubbio, proviene dal Dio dei Mondi.

(3) Oppure dicono: "Lo ha iventato", invece quella è la Verità dal tuo Dio, perché tu avverta un popolo a cui non venne prima di te un ammonitore, affinché trovino la retta Via.

(4) Allāh ha creato i cieli e la terra e ciò che c'è di mezzo in sei giorni, poi si innalzò sul Trono: non avete, all'infuori di Lui, né protettore né intercessore: non ricordate?

(5) Lui ordina tutto e ovunque, dal cielo alla terra, poi risalirà a Lui in un giorno pari a mille anni nel vostro computo.

(6) Lui è il Conoscitore dell'Evidente e dell'Ignoto, il Potente, Il Misericordioso,

(7) Colui che perfezionò ogni cosa da Lui creata, e iniziò la creazione dell'uomo dall'argilla,

(8) poi ne fece discendenza da un fluido debole;

(9) poi le diede forma e vi soffiò dal Suo spirito. Lui ha stabilito per voi l'udito, la vista e l'intelletto: quanto poco Gliene siete grati!

(10) E dissero: "Se restiamo sepolti, dovremmo essere creati di nuovo?" Ma quelli sono negatori dell'incontro con il loro Dio.

(11) ۞ Dici: "Vi farà morire l'angelo della morte, preposto a questo compito, poi al vostro Dio tornerete".

(12) E se tu vedessi i criminali, davanti al loro Dio, a testa bassa, dire: "O nostro Dio, abbiamo visto e ascoltato; facci tornare in vita per fare buone azioni: in verità ora crediamo fermamente!"

(13) E se avessimo voluto, avremmo concesso a ogni anima la sua Retta Via: ma deve compiersi la Mia volontà: riempirò l'Inferno di tutti i demoni e gli umani.

(14) "Assaggiate per aver dimenticato l'incontro di questo vostro Giorno: in verità così vi abbiamo dimenticati! E assaggiate la punizione eterna per ciò che facevate."

(15) In verità credono nei Nostri Segni quelli che, quando ne vengono rammentati, cadono prosternati ﴾خَرُّوا سُجَّدًا ﴿, e fanno le lodi del loro Dio, e non si insuperbiscono. ۩

(16) Loro abbandonano i loro letti invocando IL loro Dio, timorati e speranzosi. E condividono ciò che abbiamo loro donato.

(17) Nessuna anima sa quanta bontà la aspetta: ricompensa per ciò che faceva.

(18) Chi era credente è forse uguale a chi era trasgressore? Non sono uguali di certo.

(19) Quanto a quelli che hanno creduto e hanno fatto il bene, avranno come dimora Paradisi: ricompensa per ciò che hanno fatto.

(20) E quanto ai trasgressori, avranno per dimora l'Inferno, e ogni volta che vorranno uscirne, verranno rigettati in esso, e sarà detto loro: "Assaggiate la punizione del Fuoco che voi negavate!"

(21) E facciamo provare loro la punizione terrena, prima di quella più grande dell'Aldilà, affinché tornino pentiti.

(22) E chi è più malfattore di chi è stato ammonito dei Segni del Suo Dio, poi li ha rifiutati? In verità Ci vendicheremo dei criminali.

(23) E abbiamo fatto scendere il Libro a Mūsā ﴾مُوسَى﴿, sul cui incontro non devi avere dubbio, e che facemmo guida dei Figli d'Isrāīl,

(24) e facemmo di loro dei pastori che li guidavano, per Nostro ordine, quando erano pazienti ed erano convinti dei Nostri Segni.

(25) In verità è il tuo Dio che giudicherà tra di loro, il Giorno del Giudizio, riguardo ciò su cui discordano.

(26) Non hanno forse preso insegnamento dalla rovina di molti popoli, che abbiamo distrutto prima di loro e per le cui case ora passano? In verità, in ciò ci sono dei Segni. Come, non ascoltano?

(27) Non vedono che in verità facciamo scendere Noi l'acqua verso una terra deserta, e facciamo crescere con questa dei raccolti, di cui si nutrono i loro animali e loro stessi. Come, non vedono?

(28) E dicono: "Quando ci sarà questo Giudizio, se siete veritieri?"

(29) Dici: "Nel Giorno del Giudizio non gioverà ai miscredenti la loro fede, e non sarà concessa loro una proroga".

(30) Allontanati da loro e pazienta, in verità anche loro pazientano".