59 - Al-Hashr ()

|

(1) Glorificò Allāh ciò che è in cielo e ciò che è in terra e Lui è il Potente, il Saggio.

(2) Lui è Colui che fece uscire i miscredenti tra la Gente del Libro dalle loro case per il primo Esodo. Non pensavate che sarebbero usciti e loro pensavano che le loro barricate li avrebbero protetti da Allāh; così Allāh li sorprese dove non se l'aspettavano e gettò il terrore nei loro cuori: distruggono le loro case con le proprie mani e con quelle dei credenti: prendetene un esempio, o voi che siete lungimiranti!

(3) E se Allāh non avesse già stabilito per loro l'esilio, li avrebbe tormentati in terra e li aspetta nell'Aldilà la punizione del Fuoco:

(4) Ciò perché in verità hanno intralciato Allāh e il Suo Messaggero, e chi intralcia Allāh, in verità Allāh è severo nella punizione.

(5) Ogni ottima palma che avete tagliato o che avete lasciato dritta sul suo ceppo, lo avete fatto col permesso di Allāh, ed era per umiliare i trasgressori.

(6) I beni che Allāh ha fatto tornare al Suo Messaggero, dagli idolatri, voi non avete fatto correre né cavalli né cammelli in cerca di essi, e Allāh fa prevalere i Suoi Messaggeri su chi vuole. E Allāh è Onnipotente.

(7) Ciò che Allāh ha dato al Suo Messaggero, da ciò che fu tolto agli abitanti della città, è per Allāh e il Suo Messaggero, e i suoi parenti, e gli orfani, e i poveri e i viandanti, perché non sia solo nelle mani dei ricchi tra voi. E ciò che vi ha dato il Messaggero prendetelo, e rinunciate a ciò da cui Lui vi dissuade, e temete Allāh: in verità Allāh è severo nella punizione.

(8) E ai poveri emigrati che sono stati fatti uscire delle loro case e spogliati dei loro beni, che desiderano la grazia di Allāh e il Suo compiacimento e sostengono Allāh e il Suo Messaggero: quelli sono in verità i sinceri.

(9) E quelli che erano originari del luogo: ebbero fede prima di loro e amano chi è emigrato verso di loro, e non hanno in petto nessuna invidia per ciò che gli emigrati ricevono, e li antepongono a se stessi, anche se sono poveri. E chi riesce a vincere l'avarizia, quelli sono i trionfatori.

(10) E quelli che ci sono arrivati in seguito dicono: "Dio nostro, perdona noi e i nostri fratelli che ci hanno preceduto nella fede, e non stabilire nei nostri cuori odio per quelli che hanno creduto. Dio nostro, in verità Tu sei Perdonatore, Misericordioso".

(11)  Non vedi quelli che erano ipocriti dire ai loro confratelli miscredenti, tra la gente del Libro: "Se sarete esiliati, usciremo insieme a voi e non obbediremo mai a nessuno a vostro danno e, se sarete aggrediti, noi vi sosterremo"? E Allāh è testimone che erano in verità bugiardi.

(12) Se fossero stati esiliati, non sarebbero usciti insieme a loro. E se fossero stati aggrediti, non li avrebbero sostenuti. E se li avessero sostenuti, avrebbero in verità voltato le spalle; poi non saranno sostenuti.

(13) Voi siete più temibili di Allāh nei loro cuori: ciò perché loro sono gente che non comprende.

(14) Non vi affronteranno uniti se non in cittadelle fortificate, o dietro bastioni; c'è tra loro grande inimicizia. Li credi uniti, ma i loro cuori sono divisi: ciò perché sono gente che non riflette,

(15) come quelli che li hanno preceduti di recente, e che assaggiarono la conseguenza della loro azione e avranno una dolorosa punizione.

(16) Come l'esempio di Satana﴾الشَّيْطَانُ﴿, quando disse all'uomo: "Rinnega!" E, quando lui rinnegò, gli disse: "In verità io mi dissocio da te: in verità io temo Allāh, il Dio dei Mondi".

(17) La fine per entrambi è nel Fuoco, e ci abiteranno in eterno. E quella è la ricompensa per gli ingiusti.

(18) O credenti! Temete Allāh, e che ogni anima stia attenta a ciò che ha preparato per domani. E temete Allāh: in verità Allāh è Conoscitore di ciò che fate.

(19) E non siate come quelli che hanno dimenticato Allāh, così li fece dimenticare di loro stessi: quelli sono i trasgressori.

(20) La gente dell'Inferno non è pari alla gente del Paradiso: la gente del Paradiso è quella vittoriosa.

(21) Se avessimo fatto scendere questo Corano su un monte, l'avresti visto umile, frantumato per timore di Allāh. E quelli sono esempi che portiamo agli uomini, perché riflettano.

(22) Lui è Allāh e non c'è altra divinità all'infuori di Lui: Conoscitore dell'Ignoto e dell'Evidente, Lui è il Compassionevole, il Misericordioso.

(23) Lui è Allāh e non c'è altra divinità all'infuori di Lui: il Sovrano, il Santissimo, il Pacifico, il Custode, il Dominatore, il Prezioso, il Potente, l'Immenso: gloria ad Allāh su ciò che Gli associano!

(24) Lui è Allāh: il Creatore, il Plasmatore, il Modellatore. Suoi sono i supremi attributi. Lo glorifica ciò che è in cielo e in terra, e Lui è il Potente, il Saggio.