41 - Fussilat ()

|

(1) Ħæ, Mī-īm حمٓ

(2) Rivelazione dal Compassionevole, il Misericordioso.

(3) Un Libro i cui versetti sono stati chiariti: Corano arabo, per gente sapiente,

(4) annuncio e avvertimento, ma la maggior parte se ne è allontanata e così non ascoltano.

(5) E dissero: "I nostri cuori sono impermeabili a ciò a cui tu ci inviti e nelle nostre orecchie c'è sordità e tra noi e te c'è una barriera: Agisci pure, in verità anche noi agiamo".

(6) Dici: "In verità sono solo un essere come voi, mi viene ispirato che il vostro Dio è un Unico Dio: seguiteNe la Retta Via e chiedeteGli perdono: guai agli idolatri,

(7) che non osservano la Zakēt e non credono nell' Aldilà".

(8) In verità quelli che hanno creduto e hanno fanno il bene, hanno una ricompensa senza fine.

(9) ۞ Dici: "Negate forse Colui che creò la terra in due giorni e Gli associate dei pari? Quello è il Dio dei Mondi!

(10) E stabilì in essa delle montagne ferme e la benedì e preparò i mezzi di sostentamento in quattro giorni, equamente, per quelli che chiedono;

(11) poi si volse al cielo, che era fumo, e disse a questo e alla terra: “Venite, benvolentieri o malvolentieri”. Dissero: “Siamo venuti obbedienti”.

(12) Così formò sette cieli in due giorni, e per ogni cielo stabilì la sua funzione. E ornammo il cielo inferiore di lumi, a sua protezione: questo è ordine del Potente, il Sapiente."

(13) Ma se si tirano indietro, dici: "Vi ho avvertiti di una folgore pari alla folgore scagliata sui popoli di A'ad e di Thamūd,

(14) che – quando vennero loro i messaggeri, nel presente e nel passato, invitandoli a non adorare altri che Allāh – dissero: "Se il nostro Dio avesse voluto, avrebbe inviato degli angeli: non crediamo in ciò con cui siete inviati".

(15) In quanto agli 'Aditi, si insuperbirono in terra, ingiustamente, e dissero: "Chi è più potente di noi?" Ma non vedono che in verità Allāh, Colui che li ha creati, è più potente di loro? Eppure rinnegavano i Nostri segni!

(16) Così scatenammo su di loro un vento mugghiante, in giorni nefasti, per farli assaggiare in questa vita terrena l'umiliazione della punizione. E la punizione dell'Aldilà sarà molto più umiliante, e loro non avranno sostegno.

(17) E in quanto ai Thamuditi, indicammo loro la Retta Via, ma preferirono la cecità alla luce. Così li prese la disgrazia della terribile punizione per ciò che avevano accumulato.

(18) E salvammo quelli che hanno creduto ed erano devoti.

(19) E il giorno in cui i nemici di Allāh verranno radunati al Fuoco, e verranno condotti al Fuoco ﴾e i primi aspetteranno gli ultimi﴿

(20) e quando l'avranno raggiunto, il loro udito, la loro vista e le loro pelli testimonieranno contro di loro su ciò che hanno fatto.

(21) E dissero alle loro pelli: "Perché testimoniate contro di noi?” Dissero: "Ci ha fatto parlare Allāh, Colui che ha fatto parlare ogni cosa, e Lui vi creò la prima volta e a Lui ritornerete.

(22) E non potevate nascondervi tanto che il vostro udito, la vostra vista e la vostra pelle non avrebbero testimoniato contro di voi; anzi credevate che in verità Allāh non sapesse molto di ciò che facevate.

(23) E quelle sono le vostre supposizioni; ciò che avete sospettato nei confronti del vostro Dio vi ha rovinato, e ora siete tra i perdenti".

(24) Se pazientano, il Fuoco sarà la loro dimora, e se chiedono di essere rimandati, non saranno tra i rimandati.

(25) ۞ E abbiamo assegnato loro dei compagni che abbelliscono loro le azioni presenti e passate, e si è avverata la Parola sulle generazioni – tra i demoni e gli umani – prima di loro. In verità erano perdenti.

(26) E i miscredenti dissero: "Non ascoltate questo Corano e disturbatene la lettura, così che possiate vincere".

(27) Faremo assaggiare ai miscredenti una dura punizione, e certo li ricompenseremo per le loro peggiori azioni.

(28) Quella sarà la ricompensa dei nemici di Allāh: il Fuoco, la loro dimora eterna, come punizione per avere negato i Nostri Segni.

(29) E i miscredenti dissero: "Dio nostro, mostraci quelli che ci sviarono, tra i demoni e gli uomini: li metteremo sotto i nostri piedi perché siano tra i più umiliati".

(30) In verità quelli che dissero: "Il nostro Dio è Allāh ", poi si sono attenuti a ciò che hanno detto, scenderanno su di loro gli angeli: "Non temete e non rattristatevi, ma vi annunciamo il Paradiso che vi è stato promesso.

(31) Noi siamo i vostri protettori nella vita terrena e nell'Aldilà e avrete ciò a cui tendono le vostre anime e dove avrete ciò che desidererete,

(32) ospiti del Perdonatore, il Misericordioso".

(33) E chi è di migliori parole di colui che ha invitato ad Allāh e ha compiuto opere di bene e disse: "lo sono, in verità, tra i musulmani"?

(34) E non saranno mai uguali il bene e il male. Respingi questo con ciò che è migliore, ed ecco che colui da cui ti separava l'inimicizia diventerà un intimo amico.

(35) Ma non ricevono questa facoltà se non coloro che hanno pazientato, e non ricevono questa facoltà se non quelli che possiedono una grande virtù.

(36) E se Satana ﴾الشَّيْطَانُ﴿ ti tenta a fare altrimenti, rifugiati da Allāh: in verità Lui è l'Ascoltatore e il Sapiente.

(37) E tra i Suoi segni la notte e il giorno, e il sole e la luna. Non prostratevi al sole né alla luna, ma prostratevi ad Allāh ﴾وَاسْجُدُوا لِلَّهِ﴿, Colui che li ha creati, se siete credenti solo in Lui.

(38) Se s'insuperbiscono, ci sono quelli vicini al tuo Dio che Ne fanno le lodi notte e giorno, e non si stancano mai. ۩

(39) E tra i Suoi segni è che tu vedi la terra sterile, ma non appena facciamo scendere sopra la pioggia, la vedi fremere e gonfiarsi rigogliosa. In verità, Colui che l'ha vivificata è ben capace di resuscitare i morti: in verità Lui è Onnipotente.

(40) In verità quelli che negano i Nostri Segni non possono nascondersi a noi: chi sarà gettato nelle fiamme è forse migliore di chi si presenterà al Giudizio con animo tranquillo? Fate ciò che volete: Lui È Osservatore di ciò che fate.

(41) In verità quelli che negarono il Monito quando arrivò loro, e in verità era un Libro nobile,

(42) e inaccessibile, da ogni parte, al falso, ed era rivelazione del Saggio, il Lodevole.

(43) Non ti si dice se non ciò che si disse ai messaggeri prima di te. In verità il tuo Dio possiede la pietà e possiede la dura punizione.

(44) E se ne avessimo fatto un Corano non arabo, avrebbero detto: "Se avesse almeno spiegato i Suoi versetti sia in non arabo che in arabo!” Dici: "Esso è, per quelli che hanno creduto, Guida e Guarigione, e quelli che non credono hanno sigilli nelle orecchie ed è per loro oscuro, quelli vengono chiamati da un luogo lontano.

(45) E consegnammo a Mūsā ﴾مُوسَى﴿ il Libro, su cui ci fu discordia. E se non ci fosse stata prima una Parola dal tuo Dio, sarebbe stato già deciso tra loro, e in verità loro sono, su ciò, in grande dubbio.

(46) Chi ha fatto del bene lo fa a sua vantaggio, e chi ha fatto del male, cadrà in esso, e il tuo Dio non è ingiusto con i Suoi servi.

(47) ۞ A Lui ritorna la conoscenza dell'arrivo dell'Ora, e i frutti non escono dai loro involucri, e una femmina non concepisce né partorisce senza che Lui non lo sappia. E il giorno che li chiamerà: "Dove sono i miei soci?" Dissero: "Ti confessiamo che nessuno di noi può affermarne l'esistenza".

(48) E persero ciò che invocavano prima e capirono di non avere scampo.

(49) L'uomo non si stanca di implorare il bene, ma, se lo colpisce il male, è disperato e triste.

(50) E se gli avessimo fatto assaggiare una grazia, da parte Nostra, dopo che una avversità l'ha colpito, avrebbe detto: "Questa me la merito, e non credo che l'Ora arriverà, e se sarò fatto tornare al mio Dio, in verità troverò da Lui il perdono". Mostreremo a quelli che hanno negato ciò che hanno fatto, e li faremo assaggiare una dura punizione.

(51) E se riempiamo l'uomo di grazia, diventa ingrato e si allontana con superbia, ma, se lo colpisce il male, implora senza fine

(52) Dici: "Avete visto se proviene da Allāh? Ma l'avete negato! Chi è più in perdizione di chi è in aperto dissenso?

(53) Mostreremo loro i nostri segni nel cosmo, e in loro stessi, finché si mostrerà loro la verità. Non è sufficiente che il tuo Dio sia testimone di ogni cosa?

(54) In verità loro sono nel dubbio sull'incontro con il loro Dio. In verità Lui circonda ogni cosa.