79 - An-Nâzi‘ât ()

|

(1) Per quelle che strappano con forza

(2) e per quelle che estraggono con delicatezza

(3) e per quelle che sfilano veloci,

(4) e per quelle che superano superando,

(5) poi per quelle intente all'opera.

(6) Quando avverrà la Scossa

(7) e seguirà un'altra,

(8) quel giorno tremeranno alcuni cuori che,

(9) con sguardi umiliati,

(10) diranno: "Torneremo forse alla nostra forma originale,

(11) anche se siamo diventati ossa corrose?"

(12) Dissero: "Quello sarebbe, allora, un ritorno svantaggioso."

(13) Ci sarà un solo Urlo,

(14) ed eccoli risorti.

(15) Ti è arrivato il racconto di Mūsā,

(16) Quando lo chiamò il suo Dio nella sacra valle di Ţuā?طُوًى

(17) "Va' dal Faraone che in verità si è insuperbito

(18) e digli: 'Hai voglia di purificarti?

(19) E che io ti guidi al tuo Dio, così Ne avrai timore?''

(20) Quindi gli mostrò il più grande Segno,

(21) ma smentì e disobbedì,

(22) poi si ritirò, tramando,

(23) e fece radunare la sua gente

(24) e disse: "lo sono il vostro Dio supremo!"

(25) E Allāh lo punì per questo oltraggio e il precedente.

(26) In quello c'è in verità un esempio per chi ha timore.

(27) La vostra creazione è stata forse più difficile di quella del cielo? Lo costruì,

(28) ne sollevò la volta e la bilanciò,

(29) e oscurò la notte e ne ricavò il giorno,

(30) e rese la terra ovale;

(31) ne estrasse acqua, poi il pascolo

(32) e fissò le montagne:

(33) un bene per voi e per il vostro bestiame.

(34) Quando arriverà il Giorno del Giudizio,

(35) il Giorno in cui l'uomo si ricorderà di ciò che ha fatto

(36) e sarà mostrato l'Inferno ai presenti:

(37) chi ha prevaricato

(38) e ha preferito questa vita terrena

(39) in verità la sua dimora è l`Inferno.

(40) Ma per chi ha temuto la Sovranità di Allāh e ha impedito l'anima dal vizio,

(41) sarà il Paradiso la sua dimora.

(42) Ti chiederanno dell'Ora, quando arriverà.

(43) Che ne sai tu del suo termine?

(44) Solo il tuo Dio conosce il suo termine!

(45) In verità tu sei solo ammonitore di chi la teme.

(46) Quando la vivranno, sembrerà loro come se non fosse esistito altro che un vespro o un meriggio.